Home » Ruote industriali: criteri di scelta per carichi leggeri, medi e pesanti
Image icon

04

Feb

Ruote industriali: criteri di scelta per carichi leggeri, medi e pesanti

Questi ultimi, come le ruote, vanno selezionati in base a vari parametri, in primis tipologia di utilizzo e carico che dovranno sopportare.

Indice dell'articolo

- Ruote industriali e supporti

- Calcolo della portata delle ruote industriali in funzione della velocità

- Ruote industriali per carichi leggeri

- Ruote industriali per carichi medi

- Ruote industriali per carichi pesanti

            - I supporti per carichi pesanti

- Conclusioni

Ruote industriali e supporti 

ruote industrialiParlare di ruote industriali e dei criteri di scelta non può non comportare le corrette indicazioni per l'abbinamento ai relativi supporti.

A seconda del campo industriale di utilizzo, allo specifico campo applicativo ed alla struttura del carrello o dell’attrezzatura, possono essere utilizzate ruote con supporto girevole, fisso, girevole con freno, o ulteriori varianti.

Caratteristica essenziale: le ruote con supporto girevole sono orientabili, mentre quelle con supporto fisso sono bloccate in un'unica direzione.  In caso quindi di percorsi prevalentemente rettilinei è bene scegliereruote con supporto fisso, mentre in caso di frequenti cambi di direzione è consigliabile orientarsi su ruote con supporti girevoli.

Le tipologie di fissaggio del supporto sono svariate, principalmente: piastra quadrata o rettangolare con 4 o 2 fori, piastra rotonda con foro centrale, codoli, espansori, perni a clip. La scelta su quali tra queste utilizzare dipende in buona parte dalla tipologia del carrello o dell’attrezzatura su cui vengono montate.

 

Calcolo della portata delle ruote industriali in funzione della velocità 

La portata di una ruota viene calcola tenendo conto del peso del carico che dovrà trasportare sommato alla tara del carrello stesso.

Per calcolare la portata è utile ricordare queste indicazioni:

Per un carrello a 4 ruote:

Portata = (peso del carico solido + tara del carrello)/3

Portata = (peso del carico liquido + tara del carrello)/2

Il fatto che si divida per 2 o per 3, pure con un carrello con 4 ruote è perché non sempre le 4 ruote risultano a contatto con il pavimento.

Oltre a ciò va tenuto presente il fattore velocità di movimentazione, in particolare la riduzione della portata all'aumentare della velocità. A tal proposito, per i prodotti Tellure Rôta è utile la seguente tabella:

variazione portata

Esempio di utilizzo della tabella in funzione delle ruote di Tellure Rôta:

Un utente deve montare una ruota 648304 su un carrello che viene movimentato a 6 km/h. La tabella indica che per la serie 64, per velocità comprese tra 4 e 6 km/h, la portata reale è pari all'80% di quella espressa a catalogo.

Perciò, se la portata a catalogo è 700 daN (= circa 700 kg), la portata reale per movimentazione a 6 km/h è: 700 x 80% = 700 x 80/100 = 560 daN (= ca. 560 kg).

 

Ruote industriali per carichi leggeri

Le ruote Tellure Rôta per carrelli del settore industriale con carichi leggeri sono ideali per la movimentazione manuale di carrelli con carichi complessivi fino a 150-200 kg.

Le singole ruote hanno portate più alte (fino a 300 kg per ruota), in modo da poter resistere bene in caso di sovraccarichi momentanei, ma nella movimentazione frequente sono consigliate per carrelli con carichi complessivi sopra indicati (150-200 kg).

Queste ruote hanno tipicamente un rivestimento in gomma, standard, termoplastica o pneumatica, grigia o nera. In caso di pavimentazione delicata si consiglia l’utilizzo di gomma grigia, che non lascia tracce sul pavimento. In caso di impieghi misti su pavimentazione interna-esterna, si raccomanda l’utilizzo di gomma standard o pneumatica.

In caso di impiego su fondo sabbioso, le uniche ruote adatte sono quelle pneumatiche.

Le ruote di questa categoria vengono abbinate a supporti Tellure Rôta tipo SL ed NL (leggeri), con attacco a piastra e a foro passante; le ruote in gomma termoplastica grigia ed in gomma standard grigia con nucleo in polipropilene delle serie 71 e 22 sono abbinate anche a supporti in acciaio inox tipo NLX.

Sono ruote utilizzabili in tutti i contesti industriali, ed in alcune situazioni anche in ambito domestico e della collettività (soprattutto la serie 71).

Alcuni esempi tipici di applicazioni: carrelli portautensili, carrelli portabagagli, scale, piccoli ponteggi mobili, carrelli portacassette, cassonetti raccolta rifiuti. Le ruote serie 71 vengono consigliate anche per carrelli tubolari tipici della “lean production”, soprattutto abbinate a supporti con attacchi con codolo in lega Zama.

 

Ruote industriali per carichi medi

Le ruote Tellure Rôta per carrelli del settore industriale con carichi medi sono ideali per la movimentazione manuale di carrelli con carichi complessivi fino a 500 kg. Le singole ruote hanno portate più alte (fino a 700 kg per ruota), in modo da poter resistere bene in caso di sovraccarichi momentanei, ma nella movimentazione frequente sono consigliate per carrelli con carichi complessivi di massimo 400 kg.

Vengono abbinate a supporti Tellure Rôta leggeri (NL), leggeri in acciaio inox (NLX), medi (M), ed in alcune serie anche a supporti Pesanti (P) e Pesanti in acciaio inox (PX).

La categoria è composta da ruote monolitiche in poliammide 6, ruote con rivestimento in poliuretano termoplastico (in versione più dura con durezza 55 Shore D e più morbida con durezza 85 Shore A), e ruote in gomma elastica blu antitraccia.

Le ruote monolitiche in poliammide 6 hanno eccellenti caratteristiche di scorrevolezza e di resistenza ad aggressivi chimici ed umidità, ma sono adatte all’utilizzo solamente su pavimentazione liscia, compatta e resistente. Non possono essere utilizzate in caso di impiego su superfici delicate o in presenza di ostacoli.

Vengono tipicamente impiegate in carrelli per uso interno industriale nell’industria alimentare, conserviera e chimica, nelle concerie, per carrelli portafiori, su transpallet manuali e, abbinate a supporti idonei, su ponteggi mobili.

Le ruote in poliuretano termoplastico hanno caratteristiche di resistenza simili a quelle del poliammide 6, ma minore durezza, e possono quindi essere utilizzate anche su pavimentazioni delicate. La versione in poliuretano più morbido (85 Shore A, serie 61) è adatta anche in presenza di piccoli ostacoli lungo il percorso. La versione con mozzo con cuscinetti a sfere è particolarmente idonea in caso di carrelli con movimentazione frequente.

Sono indicate per utilizzo nelle industrie alimentari, chimiche, conserviere, su ponteggi mobili, ed in generale per utilizzi interni in vari settori industriali. Vengono consigliate anche per carrelli tubolari tipici della “lean production”, soprattutto abbinate a supporti con attacchi con codolo in lega Zama.

Le ruote in gomma elastica sono particolarmente indicate in caso di utilizzi su pavimentazione sconnessa e con ostacoli. Applicazioni tipiche: carrelli per uso interno ed esterno industriale, transpallet manuali, cassonetti raccolta rifiuti, flight-case per il trasporto di strumenti musicali.

 

Ruote industriali per carichi pesanti

Le ruote Tellure Rôta per carichi pesanti sono indicate per utilizzo su carrelli con carichi complessivi superiori ai 500 kg, oppure anche su carrelli con carichi inferiori ma che vengano movimentati non manualmente da operatori, bensì trainati con mezzi meccanici. La portata di queste ruote può arrivare fino a 4300 kg a ruota, ma sono state studiate anche personalizzate su richiesta del cliente per portate ancora più elevate.

La movimentazione di carrelli con carichi complessivi superiori ai 500 kg presenta caratteristiche peculiari. In queste condizioni, infatti, diventa particolarmente importante scegliere la ruota giusta, perché eventuali scelte non corrette possono facilmente portare alla rottura dell’applicazione sulla quale sono montate, evento che con un carico pesante può provocare interruzioni delle linee produttive, sovraffaticamento degli operatori ed anche rischi di sicurezza negli ambienti di lavoro.

Come per tutte le altre tipologie di ruote, anche nel caso della scelta delle ruote per carichi pesanti vanno considerati i fattori della pavimentazione, dell’ambiente di utilizzo, della natura e del tipo di carico da movimentare.

Per carichi elevati, però, diventa particolarmente importante valutare la velocità di utilizzo e il mezzo di trazione impiegati per spostare l’applicazione dotata di ruote.

La velocità alla quale l’applicazione dovrà essere movimentata è un fattore determinante nella scelta della giusta ruota.

Se la velocità è nulla e quindi l’impiego è prevalentemente statico, è sufficiente confrontare il carico necessario di ogni ruota con la portata statica riportata nel catalogo Tellure Rôta. In caso di carichi pesanti con utilizzi prevalentemente statici, sono consigliate ruote in poliammide per alti carichi e ruote in metallo (acciaio o ghisa meccanica).

Tipi di ruote consigliate

Serie 69 - Ruote monolitiche in ghisa

Serie 68 P - Ruote monolitiche per alto carico in poliammide 6

 

serie 65 erSe la velocità è diversa da 0, e quindi l’applicazione è destinata a muoversi frequentemente, è necessario valutare il mezzo di trazione impiegato: movimentazione manuale, con mezzi meccanici trainati o con motorizzazione propria.

La movimentazione è manuale quando la forza è esercitata da una o più persone e la velocità è generalmente uguale o inferiore a 4 km/h.

La movimentazione invece è meccanica quando tale forza è esercitata da un mezzo meccanico e la velocità è superiore ai 4 Km/h.

Nel caso di movimentazione manuale, il fattore chiave da tenere in considerazione è la scorrevolezza.

Tecnicamente, la scorrevolezza è il valore (espresso in daN) del carico massimo sopportabile da ogni singola ruota ad una velocità costante di 4 km/h con l’applicazione di una forza traente o di spinta pari a 5 daN (con l’esclusione dello spunto iniziale). Questo valore viene ricavato applicando ad un carrello a 4 ruote una forza di trazione pari a 20 daN e rilevando l’entità del carico massimo trasportabile per ruota in fase di traslazione a regime.

La forza di trazione applicata, di 20 daN, è in accordo con la normativa internazionale sul lavoro nella movimentazione interna ed è universalmente riconosciuta quale limite di fatica umana sopportabile per lunghi periodi.

In generale, maggiore è la scorrevolezza di una ruota, minore è lo sforzo necessario all’operatore per movimentare il carrello, e quindi maggiore è la sua ergonomia.

Le ruote Tellure Rôta per alti carichi con la migliore scorrevolezza sono le ruote con rivestimento in poliuretano TR, TR-Roll  e Vulkollan® delle serie 62BS, 62AL, 62NY, 62ER, 62GH, 63AC, 64, 65AL, 65GH e 65ER. A seconda della pavimentazione, degli aggressivi chimici presenti e dei cicli di lavoro previsti sarà più adatta una o l’altra delle serie indicate.

Tipi di ruote consigliate

Serie 62 ST - Ruote in poliuretano TR-roll, nucleo in alluminio

Serie 62 ER - Ruote in poliuretano TR-roll con profilo bombato ergonomico, nucleo in alluminio

Serie 62 GH - Ruote in poliuretano TR-roll, nucleo in ghisa meccanica

Serie 62 NY - Ruote in poliuretano TR-roll, nucleo in poliammide 6

Serie 63 ST - Ruote in vulkollan®, nucleo in acciaio

Serie 63 GH - Ruote in vulkollan®, nucleo in ghisa meccanica

Serie 64 ST - Ruote in poliuretano TR, nucleo in ghisa meccanica

Serie 65 AL - Ruote in poliuretano TR, nucleo in alluminio

Serie 65 GH - Ruote in poliuretano TR, nucleo in ghisa meccanica

Serie 65 HT - Ruote in poliuretano TR ad alto spessore, nucleo in alluminio

Serie 65 ER - Ruote in poliuretano TR con profilo bombato ergonomico, nucleo in alluminio

 

La scorrevolezza è un valore indicativo dello sforzo di movimentazione a velocità costante. Lo sforzo necessario per mettere in moto un carrello fermo è superiore. Per ridurlo, viene consigliato l’utilizzo di ruote con profilo bombato ergonomico (serie 62ER e 65ER).

Tipi di ruote consigliate

Serie 65 ER - Ruote in poliuretano TR con profilo bombato ergonomico, nucleo in alluminio

Serie 62 ER - Ruote in poliuretano TR-roll con profilo bombato ergonomico, nucleo in alluminio

 

Nel caso di utilizzo in condizioni di movimentazione meccanica, sono idonee solamente ruote con rivestimento in poliuretano e mozzo con cuscinetti a sfere. Nel caso in cui la velocità di movimentazione sia superiore ai 6 km/h, inoltre, sono utilizzabili solamente ruote con nucleo in metallo (alluminio, ghisa meccanica, acciaio). Escludiamo quindi ruote con nucleo in materiali plastici.

Tipi di ruote consigliate

Serie 62 ST - Ruote in poliuretano TR-roll, nucleo in alluminio

Serie 62 ER - Ruote in poliuretano TR-roll con profilo bombato ergonomico, nucleo in alluminio

Serie 62 GH - Ruote in poliuretano TR-roll, nucleo in ghisa meccanica

Serie 63 ST - Ruote in Vulkollan®, nucleo in acciaio

Serie 63 GH - Ruote in Vulkollan®, nucleo in ghisa meccanica

Serie 64 ST - Ruote in poliuretano TR, nucleo in ghisa meccanica

Serie 65 HT - Ruote in poliuretano TR ad alto spessore, nucleo in alluminio

Serie 65 ER - Ruote in poliuretano TR con profilo bombato ergonomico, nucleo in alluminio

 

In caso di velocità superiori ai 12 km/h, sono fortemente consigliate ruote con rivestimento in poliuretano elastico o in Vulkollan® ed alto spessore.

Tipi di ruote consigliate

Serie 62 ST - Ruote in poliuretano TR-roll, nucleo in alluminio

Serie 62 ER - Ruote in poliuretano TR-roll con profilo bombato ergonomico, nucleo in alluminio

Serie 62 GH - Ruote in poliuretano TR-roll, nucleo in ghisa meccanica

Serie 63 ST - Ruote in Vulkollan®, nucleo in acciaio

Serie 63 GH - Ruote in Vulkollan®, nucleo in ghisa meccanica

 

I supporti per carichi pesanti

È inoltre particolarmente importante valutare il supporto giusto da abbinare alle ruote, perché non tutti i supporti sono in grado di sopportare urti e sollecitazioni legate alla movimentazione meccanica.

Si prestano bene alla movimentazione meccanica ad alte velocità i supporti Pesanti con piste temprate PT (fino a 6 km/h), i supporti extrapesanti EP (fino a 6 km/h), i supporti elettrosaldati ed i supporti molleggiati (fino a 16 km/h).

Per velocità di utilizzo oltre i 16 km/h, è necessario contattare Tellure Rôta per una consulenza dedicata.

Nei carrelli dotati di movimentazione propria (carrelli con ruote motrici – carrelli semoventi), le ruote sono sottoposte a sollecitazioni particolari.

Le ruote motrici, infatti, oltre a sopportare il carico, devono consentire la trasmissione dello sforzo tangenziale, che consente l’avanzamento della ruota e quindi del carrello. Inoltre, il rivestimento delle ruote motrici è soggetto a maggiori sollecitazioni.

In particolare, nella scelta di ruote e supporti per carrelli semoventi vanno esaminati con attenzione i seguenti elementi:

•           tipo di boccola o cuscinetto applicato nel mozzo;

•           tolleranze di accoppiamento albero/mozzo;

•           materiale del mozzo in relazione a quello dell’albero;

•           frequenza degli avviamenti e degli arresti dell’organo di trasmissione del moto;

•           inversione del senso di marcia;

•           presenza di sovraccarichi, anche temporanei.

Poiché sono moltissimi i fattori da valutare, si consiglia di rivolgersi direttamente a Tellure Rôta per la scelta di ruote e supporti da applicare a carrelli semoventi.

Tipo di ruote consigliate

Serie 64 ST - Ruote in poliuretano TR, nucleo in ghisa meccanica

Conclusioni

Le gamme di ruote, come indicato in precedenza, sono le più varie.

Il primo principio da seguire, al di là dei vari fattori, è quello della sicurezza: una ruota non idonea a supportare un determinato carico, può comportare pericoli sia per gli operatori che per la merce trasportata. Diversamente, una ruota studiata per carichi pesanti, nel caso venga sotto-utilizzata, risulta poco efficace ai fini della scorrevolezza nel trasporto.

Per il giusto criterio di scelta è bene un'attenta acquisizione di ogni tipo di informazione finalizzata al reale utilizzo.